Slippage (su Azionario) e dove l'Execution può fare la differenza...

Riuscire a codificare una metodologia di trading che "sulla carta" è profittevole, non basta. La stessa attenzione posta nello scolpire le regole di ingresso ed uscita o nel validare questa operatività per capire se sia sufficientemente robusta, andrebbe messa anche nella fase di execution (letteralmente di "esecuzione" dell'ordine).

Chi ha passato anni della propria vita a passare ordini manualmente, magari su sottostanti (come le opzioni) che hanno bid-ask non proprio stretti come quelli di un future, o a "lottare" nei book, credo sappia già a cosa mi riferisco. Se non siete passati da esperienze del genere, è probabile che tenderete a sottovalutare l'importanza di una attenta esecuzione dell'ordine, magari registrando passivamente l'entità dello slippage rispetto al risultato teorico del sistema, ma senza cercare in maniera proattiva una soluzione per gestire e contenere questo problema.

Un esempio dovrebbe servire a comprendere di cosa sto parlando. Avete mai provato a impostare ordini a mercato in apertura di contrattazione? Questi ragionamento valgono sia che l'abbiate fatto manualmente, magari la sera prima, nel book per farli scattare all'indomani alle 15:30 all'apertura del mercato (considero il mercato azionario USA) sia che si tratta di ordini di un trading system che ragiona "next bar at open" (che probabilmente è la forma più semplice e immediata di passare ordini da parte di chi inizia a programmare le proprie idee di trading).

Nei primi secondi dopo l'apertura, a meno che il titolo in questione non abbia già scambiato volumi significativi nel pre market, la distanza fra bid e ask è il più delle volte indecente (non trovo una parola più "mite" per dirlo). Bastano da poche decine di secondi fino anche a qualche minuto, per vedere il titolo iniziare a scambiare su bid-ask più stretti e vicini, ma un ordine a mercato che scatta in apertura di contrattazioni non aspetta: vende sul bid o compra sull'ask, a prescindere che si tratti di valori ancora piuttosto distanti, e che di lì a breve si sarebbero avvicinati notevolmente.

I sistemi su azionario che impiego utilizzano quasi esclusivamente ordini stop o limit: quando questi ordini scattano durante la seduta di contrattazione, non ci sono problemi, ma talvolta in presenza di gap, questi ordini possono scattare subito in apertura, portando allo stesso risultato presentato poc'anzi: un eseguito allucinante (rispetto alla quotazione che andremo ad osservare di lì a pochi minuti) e un open loss che, francamente, non è la maniera migliore per iniziare un trade. Si tratta di situazioni non troppo frequenti... e, francamente, basta poco per evitarlo: controllare qualche decina di minuti prima dell'apertura, nel pre market, se il titolo aprirà in gap e posticipare semplicemente l'inserimento dell'ordine a qualche minuto dopo l'apertura delle contrattazioni.

...ma ci sono operatività differenti, sempre su azionario, che invece impiegano solo ordini market in apertura di contrattazioni: mi riferisco all'operatività in Spread. In questi casi non si tratta più dell'eccezione, ma della regola... e non controllare correttamente questa fase di execution può davvero fare la differenza nelle performance finale del sistema.

Per quantitifcare il problema (così capite di cosa stiamo parlando), oggi ho aperto due piattaforme e ho deciso di passare una decina di ordini a mercato (gli stessi su entrambe): nel primo caso ho impostato gli ordini in macchina e ho lasciato che venissero eseguiti in apertura di contrattazioni, alle 15:30. Ecco il risultato:

Nella prima colonna trovate il ticker del titolo (ho impiegato dei CFD ma non sarebbe cambiato granchè se avessi impiegato le azioni sottostanti), nella seconda il numro di azioni negoziate, nella terza il Profit/Loss che a distanza di pochi minuti sta già registrando la posizione... ed in alto il totale: stiamo perdendo 554 usd...  il motivo? una pessima esecuzione di questi ordini a mercato, in condizioni in cui bid e ask erano ancora piuttosto larghi. 

...prima che vi lanciate ad ipotizzare altre teorie che possono avere concorso a maturare una zavorra del genere su operazioni appena aperte, vi ricordo che si tratta di operatività in spread, quindi market neutral, dove il controvalo renegoziato long è simile al controvalore short... quindi escludiamo subito che si tratta di un movimento avverso del mercato nei primi mintui di contrattazione.

Nell'altra pattaforma, invece, ho preparato tutti gli ordini a mercato per entrare sulle stesse posizioni (in un basket), ma ho atteso 15 minuti prima di trasmetterlo. Già dopo pochi minuti i bid-ask di ogni azione si erano già ristretti su valori ragionevoli, ma ho comunque atteso 15 minuti (forte del fatto che si tratta di operatività in spread, long/short, quindi il fatto che il mercato potesse partire forte o franare bruscamemte, non avrebbe impattatio granchè in questi primi minuti).

...e così, mentre sull'altra piattaforma osservavo una perdita ormai di 590 usd, su questa, dopo avere passato gli ordini a mercato, ecco il risultato:

...-52 usd...

Quanto valgono questi 15 minuti di ritardo nell'inserimento di ordini a mercato in apertura di contrattazioni?

...poco più di 500 usd... che sul controvalore negoziato di 48.500 usd rappresenta un 1% circa, ma che sulla marginazione bloccata di 7500 usd, invece, rappresenta una inaccettabile zavorra del 6,6%.

Su entrambe le piataforme gli ordini sono stati trasmessi impiegando la funzionalità Basket Trader (che diverse piattaforme offrono): si impostano tutti gli ordini nel basket e si sceglie quando trasmetterli con un click (magari andando a monitorare in tempo reale la dimensione dello spread bid-ask che qua sotto potete vedere tracciato nella colonna "spread").

...questo è solo uno dei tanti accorgimenti che possono rendersi necessari per cercare di ottenere una execution decente e non staccarsi troppo dai valori di aperura teorici riportati dalle piattaforme, su cui magari si è condotto il backtest del proprio trading system.

Questo ritardo (anche piuttosto pronunciato) nell'inserimento degli ordini, è indicato su operatività in Spread come quella decritta in questo articolo (e che dalla prossima settimana inzieremo ad inviare anche nel servizio Segnali Operativi), dove apriamo posizioni market neutral e che stanno in posizione anche due/tre settimane, e dove i test che abbiamo condotto mostrano equity molto simili sia che entry in apertura, che in chusura di giornata... ma non su tutte le operatività si possono adottare accorgimenti del genere. 

...per chi voglia approfondire meglio anche questo aspetto (execution) del lavoro del trader, l'appuntamento è per:

sabato 21 Febbraio, nel corso "Trading Automatico"...o il giorno dopo, domenica 22 Febbraio, nella giornata successiva "Trading system & Money Management"...

...oppure sabato 28 febbraio, quando torneremo a parlare di Azionario nella giornata "Trading Meccanico con Azioni+Opzioni" (tutti i corsi si possono seguire sia in aula che collegati a distanza)

Su questi fine settimana in aula, sono previste delle PROMOZIONI molto interessanti: scopri di più in questa pagina...

Buon trading!

 

 

Backtest Opzioni

 

...in libreria!

VideoCorsi

Video Pillole di Analisi del Mercato o di una specifica Operatività, ma anche Video Didattici sull'utilizzo delle Piattaforme di Trading...
VideoCorsi

Articoli

Il commento ad una Operazione, l'Analisi di una Strategia, o semplicemente la descrizione di una Tecnica... questo ed altro nella sezione Articoli.
Leggi gli Articoli

 

Downloads

Materiali Didattici, le Slide proiettate ai Seminari, codici di Trading Systems, Reports e Software: a tua disposizione!
Downloads



Login

Diventa Trader!

Il Trading è una professione come tante: si può imparare, richiede impegno, ma prima di ogni cosa, un Metodo, che può essere appreso attraverso la frequenza ad un corso...
Percorso in aula

 

... osservando un Trader e affiancandolo nella sua operatività (Coaching Individuale)... 
Coaching 101

 

... o seguendo l'operatività di Trader più esperti attraverso dei Segnali Operativi inviati real time... 
Segnali Operativi

QT Lab Community

Il Trading può essere un gioco di squadra: lo diciamo per esperienza... perchè da anni i nostri Trader interagiscono in questa Community, analizzano insieme operazioni, e condividono idee e metodologie. Vuoi farne parte? Basta registrarsi...
Entra in Community

 

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando questo sito e continuando nella navigazione si intende accettata la Privacy & Cookie Policy. Puoi bloccare in ogni momento questa raccolta di informazioni seguendo le istruzioni per configurare il tuo browser, contenute nella suddetta pagina. 

Quantitative Trading LAB di Luca Giusti - e-mail: info@qtlab.ch Tutti i diritti sono riservati. tel: 0041 44 586 68 57

Questo sito Web non è rivolto a persone giuridiche o fisiche appartenenti a giurisdizioni in cui, in virtù della nazionalità, della tipologia di persona, del proprio domicilio o residenza, della sede sociale o per qualsiasi altro motivo, l’accesso allo stesso, la relativa consultazione, la disponibilità, la pubblicazione, come pure la presentazione di servizi finanziari o la commercializzazione di determinati prodotti finanziari dovesse essere vietata o soggetta a restrizioni. Alle persone cui si applicano tali restrizioni è conseguentemente vietato accedere a questo sito internet. Le informazioni e le opinioni contenute nelle pagine del sito internet e nel materiale in esso contenuto non costituiscono in nessun caso un invito, un’offerta, una raccomandazione o una sollecitazione di acquisto o di vendita, una richiesta o una sottoscrizione di titoli o strumenti finanziari, prodotti o servizi finanziari o d’investimento, né un’esortazione ad effettuare transazioni di alcun genere. Il contenuto del sito internet è stato allestito con la maggiore cura e diligenza possibile. Tuttavia non si fornisce alcuna garanzia circa la correttezza, l’esattezza, la completezza, l’affidabilità o l’attualità dei contenuti proposti. I dati storici relativi ai rendimenti e agli scenari sui mercati finanziari, le prestazioni passate, effettive o indicate da test storici o strategie, non sono garanzia di analoghi risultati futuri. Facendo trading si possono sostenere perdite superiori al proprio investimento iniziale: non si dovrebbe investire o rischiare denari che non si si può permettere di perdere.Per ulteriori dettagli, si prega di leggere le "Condizioni di Utilizzo" nel menù verticale in alto a sinistra. In nessuna circostanza – ivi compresa la negligenza – la nostra società può essere considerata responsabile per perdite e/o danni di qualsiasi natura – sia che si tratti di danni diretti, indiretti oppure consequenziali – derivanti dall’accesso agli elementi di questo sito internet o dal loro utilizzo (o dall’impossibilità di accedere al sito internet stesso e di utilizzarne gli elementi) o da link che portano a siti internet di terzi. Noi non monitoriamo le pagine collegate al sito internet mediante link e decliniamo pertanto qualsiasi responsabilità per i relativi contenuti e per le eventuali prestazioni ivi offerte. La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
 
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

The material on this website is for information purposes only. Any reference on this Web site to QTLab, the authors, and its affiliated companies should not be construed as an offer or solicitation, directed to residents in jurisdictions where QTLab, by and through any of its affiliates, is not registered to do business. No investment advice or solicitation to buy or sell securities is given or in any manner endorsed by QTLab or any of its affiliates. Charts created using TradeStation. ©TradeStation Technologies, Inc. All rights reserved. No investment or trading advice, recommendation or opinions is being given or intended. Past performance, whether actual or indicated by historical tests of strategies, is no guarantee of future performance or success. There is a possibility that you may sustain a loss greater than your entire investment; therefore, you should not invest or risk money that you cannot afford to lose. For further details please read the "Condizioni di Utilizzo" to see the full set of terms and conditions.

 

www.ForexAcademy.it      -        www.OptionsAcademy.it       -        www.FuturesAcademy.it       -        www.TradingSystemAcademy.it